Triacca


Le specialità di Triacca, direttamente a casa tua!

Vedi tutti i Prodotti »


Nel lontano 1897 Domenico Triacca acquista un vigneto di circa 2000 metri quardi in una delle migliori posizioni della Valtellina, il Valgella. Costruisce quindi una piccola cantina per la trasformazione delle proprie uve e per in vecchiare i propri vini, gettando così le basi della «filosofia» della casa Triacca: vini dai propri vigneti – dalla mia vigna. Dalla piccola proprietà iniziale la superficie vitata si espande gradualmente, fino agli attuali 45 ettari.
La famiglia Triacca si dedica alla viti coltura anche in Toscana, nel cuore del Chianti Classico; nel 1969 acquista la Fattoria La Madonnina, dove oggi sono coltivati a vite 100 ettari di vigneto specializzato, con una produzione annua di circa 4000 ettolitri di vino Chianti Classico.
Nel 1990 viene aggiunta un’altra proprietà in Toscana, nella zona del Vino Nobile di Montepulciano, la Fattoria Santa venere, con 33 ettari di vigneto.

La Triacca è un’azienda indipendente a conduzione familiare da ben quattro generazioni. La casa madre e sede commerciale per l’impor tante mercato Svizzero si trova a Campascio, a ridosso del confine italiano. Il centro di produzione dei vini di Valtellina è situato a Villa di Tirano, dove confluiscono anche le attività commerciali e amministrative del mercato italiano. I 140 ettari di vigneto in Toscana sono gestiti dal centro di produzione della Fattoria La Madonnina a Strada in Chianti.

La viticoltura in Valtellina è una realtà molto complessa e difficile; l’uva raggiunge alle volte dei costi di produzione esorbitanti e fuori mercato. Per meglio affrontare questa realtà la nostra famiglia ha rinnovato negli ultimi 25 anni parte della superficie coltivata, ponendosi quale obbiettivo il miglioramento qualitativo del vino collegato ad una razionale gestione del vigneto con costi di produzione contenuti e curando nel contempo l’aspetto ecologico ed ambientale. Una delle opere più importanti è stata senza dubbio la selezione clonale del Nebbiolo, che ci ha impegnati per oltre 20 anni in uno scrupoloso lavoro di selezione, moltiplicazione e microvinificazione. I cloni in fine selezionati sono stati piantati con la tecnica dell’alta intensità che prevede oltre 7500 barbatelle ad ettaro, numero di viti decisamente superiore a quello di un tem po. È tuttavia importante sottolineare che, grazie alla minor produzione di uva delle singole viti, la produzione ad ettaro non viene aumentata. Questo permette di ottenere mosti più ricchi ed intensi.
Per contenere i costi di produzione e razionalizzare la lavorazione, i vigneti sono stati sistemati a ciglioni orizzontali; questo ha consentito l’introduzione delle macchine operatrici anche in terreni con forti pendenze. Parecchie operazioni, come la ge stione del suolo, la distribuzione degli antiparassitari, la potatura verde, vengono così eseguite meccanicamente. Questi accorgimenti consentono inoltre una gestione più ecologica del vigneto, rendendo il lavoro degli operai meno duro e più gra tificante. Un nuovo sistema di allevamento per mette di modellare la vegetazione in maniera da creare un «pannello solare» il quale assi cura un’elevata ricezione della luce con sentendo una fotosintesi di alta efficienza biologica ed ecologica. Il risul tato di questo lavoro è senza dubbio una migliore qualità: più zuccheri, più polife noli (antociani, tannini nobili), più aromi, maggiore ricchezza di estratti (corposità), più armonia e morbidezza.


Sito ufficiale: www.triacca.com

Categorie: